Il Ministro Sacconi, lo sciopero e Fritz Lang

Secondo le linee guida del Ddl delega approvato venerdì scorso 17 Ottobre dal Consiglio dei ministri, elaborate dal Ministro Maurizio Sacconi, “prima di uno sciopero va organizzato un referendum consultivo preventivo obbligatorio tra i lavoratori delle categorie interessate con la dichiarazione preventiva di adesione del singolo lavoratore per conoscere il grado di consenso e il funzionamento di servizio” (Il Sole 24 Ore, sabato 18 Ottobre, n. 288, pagina 19).
Non oso immaginare i tempi necessari per arrivare ad uno sciopero effettivo, e quali possano essere la modalità di consultazione dei lavoratori (cartacea, elettronica). Lascia perplessi la richiesta di sapere in anticipo se il lavoratore interpellato aderirà o meno all’astensione dal lavoro.
Ho lasciato vagare per un po’ la mia mente, come forse accade quando si va dallo psicanalista.
Ecco i risultati, valutate voi se vi sono connessioni tra le diverse immagini, e se condividete la mia visione.
Mi è venuta in mente la legge elettorale usata per le ultime elezioni politiche (no preferenze, soglia di sbarramento), ho poi pensato che per le prossime elezioni europee si sta pensando a qualcosa di analogo.
Lo sciopero, se questi provvedimenti andranno in porto, diventa molto complesso da realizzare, e mi viene l’idea che si arrivi ad una società nella quale lo sciopero diventa di fatto non realizzabile.
Scioperi scomparsi, facce di candidati, nazionali ed europei, scomparse. Tutto svanisce: resterebbero da un lato una casta anonima che governa in una sfera celeste inconoscibile, dall’altra milioni di persone tutte uguali, grige, che al mattino si recano con lo stesso passo, la stessa anonima abulìa al lavoro, senza speranza di riscatto, per tornare, con lo stesso passo, la stessa abulìa, a casa la sera, senza un senso di sè, per sempre chiusi in una sfera inferiore che non ha più percezione della società e della storia, appiattiti su un presente in bianco e nero.
Il bellissimo film muto Metropolis di Fritz Lang, del 1927, diventa realtà?

Annunci