Il diritto alla salute per gli immigrati irregolari

Medici Senza Frontiere è seriamente allarmata per l’intenzione di porre delle barriere all’assistenza sanitaria per gli immigrati irregolari, mettendo in pericolo il principio universale di accesso alle cure mediche. La salute è riconosciuta come diritto fondamentale dalla Costituzione italiana e la legge Turco-Napolitano (1998) e la Bossi-Fini (2002) confermano tale diritto anche per tutti i cittadini stranieri, con o senza permesso di soggiorno.

In questi giorni è in via di discussione alla Commissione congiunta Affari Costituzionali e Giustizia in Senato, un emendamento al Disegno di Legge 733 sull’immigrazione che punta ad eliminare per i medici il principio di ‘non segnalazione all’autorità‘. In sostanza si intende sopprimere il punto fondamentale del decreto 286/1998 che dice: “l’accesso alle strutture sanitarie da parte dello straniero non in regola con le norme sul soggiorno non può comportare alcun tipo di segnalazione all’autorità, salvo i casi in cui sia obbligatorio il referto, a parità di condizioni con il cittadino italiano” (comma 5, articolo 35).”

L’intero comunicato stampa di Medici Senza Frontiere.

Annunci