I have a dream

Mi sono appena svegliato. Dopo una breve colazione, leggo come sempre un quotidiano, non vi sono notizie su dichiarazioni astruse di questo o quel politico, né foto di ex-ministri, o ministri in carica, che si sono divertiti, o si divertono, ad insultare questa o quella categoria di cittadini. Ieri c’é stata una manifestazione che si é svolta pacificamente, nella quale si é concretamente discusso su temi che riguardano molti di noi. Nessun articolo parla di pacificazione, anche perché l’ultima guerra che si é avuta in Italia risale al secolo scorso. La Costituzione vigente é una sola, e da molto tempo viene applicata senza che ad alcuno venga in mente di modificarla: vige il principio dell’interesse comune, e nessuno si sogna di pensare ad altro, o calpestarlo. I politici vengono scelti dai cittadini, se raccontano molte balle prima o dopo la loro elezione concludono la loro carriera, del resto limitata da un provvedimento molto preciso al riguardo, non venendo rieletti, o lasciando il posto dopo sobrie scuse rivolte ai cittadini. I cittadini sono molto informati, ed istruiti. Le aule scolastiche pubbliche non sono piú allevamenti intensivi: proprio come da tempo accade per le galline, si é capito che carne ed uova sono migliori se ad ogni animale viene concesso di avere uno spazio adeguato. É vietata la formazione di classi con piú di venti alunni, e ció ha avuto un immediato effetto benefico proprio sulla formazione. Gli edifici scolastici sono a norma, non cadono piú controsoffitti, ed andare al bagno non richiede piú strane collette per l’acquisto della carta igienica. Il carico burocratico degli insegnanti é stato alleggerito, ogni scuola ha la sua palestra (mens sana in corpore sano), ed anche Internet é di casa, senza esagerare. Il wifi non é presente negli edifici scolastici, essendo stati sollevati autorevoli sospetti sugli effetti di esposizioni prolungate ad esso dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, da non confondere con l’AIRC italiana. In Parlamento esistono formazioni di centro, di destra e di sinistra: i programmi sono diversi, non esistono formazioni di centrodestra, né di centrosinistra, contraddizioni in termini. I parlamentari non sono indagati, perché quando lo diventano debbono uscire dal Parlamento, automaticamente, senza necessitá alcuna di autorizzazioni strampalate che sapevano di privilegio. I cittadini, raggiunto il titolo di studio che preferiscono, riescono a trovare lavoro. É scomparso il fenomeno del precariato. Nel settore pubblico, lo Stato si è reso conto dell’infamia rappresentata dal fatto che chiamava precari soggetti che lavoravano per lui per decenni. Non si é piú parlato di cene eleganti, concussioni, imperi televisivi, monopoli e censure varie. Esistono leggi che regolano questi problemi, che vengono applicate quando questi problemi compaiono (nessuno é perfetto). Il servizio radiotelevisivo pubblico, proprio come il sistema della formazione e della tutela dell’immenso patrimonio artistico, archeologico, paesaggistico italiano, é regolarmente sostenuto e finanziato, con ricadute enormi ed incalcolabili sulla qualitá della vita dei cittadini, e sul progresso culturale e morale del nostro Paese. A capo di questi settori vengono poste persone competenti, parentele ed amicizie non sono piú necessarie.
É naturale che stia suonando proprio ora la sveglia, e che io stia aprendo gli occhi. Sappiamo peró che i sogni sono necessari per portare cambiamenti nella nostra vita.
Buona giornata a tutti.

Annunci