L’angoscia della minoranza del Partito Democratico

È ormai evidente che la cosiddetta minoranza dem (ocratica) soffre di una nevrosi che non può essere risolta continuando la vita da parlamentare.

I continui rimandi (la prossima volta voteremo diversamente) che vengono manifestati in occasione di ogni votazione su argomenti sui quali la minoranza crede di essere in disaccordo con Renzi, o le anomale vie di esprimere il dissenso (voto Sì, ma scrivo un documento che giustifica il mio No virtuale, vedi la Buona Scuola), sono tipici di quelle situazioni psicologiche nelle quali tra emozioni, pensiero, progettazione ed azione sono presenti fratture sanabili solo in contesti psicoanalitici.

Comprendo umanamente questi soggetti, e comprendo che l’essere parlamentare è un peso per loro insostenibile. Vanno aiutati a tornare a casa, alle loro occupazioni quotidiane più lievi, agli affetti dei loro cari.

È bene non affidarsi a loro, sarebbe altrettanto nevrotico da parte nostra (nel Vangelo è chiaramente indicato il burrone come destino dei ciechi che camminano tenedosi per mano), non ascoltarli più, e non votare in alcuna circostanza il Partito che li ha generati.

Un saluto al Partito Democratico, che ha fallito miseramente.

Annunci