26 Consiglieri vivono il loro giorno da pecora a Roma

  
ed il Partito Democratico con la sua fuga da un momento di democratico confronto nella Sala Giulio Cesare del Comune di Roma mostra la sua natura estremamente lontana da ogni minimo standard richiesto a qualsivoglia formazione politica che voglia prendere parte alla vita civile di un Paese.

Tutte le formazioni che se la sono data a gambe per evitare di assumersi le proprie responsabilità di fronte ai cittadini ed agli elettori di Roma non potranno più fugare nelle menti di chi ha assistito impotente ad uno scempio istituzionale il sospetto, la certezza che dietro al gioco degli scontrini si celino alleanze e collusioni indicibili.

Doveroso ringraziamento va espresso a SEL ed al Movimento 5 Stelle che invece molto correttamente avevano deciso di attendere il dibattito in Aula.

Vedremo quando sarà data la possibilità ai cittadini dell’Urbe di esprimersi democraticamente, avverbio che nel nostro Paese non può più essere usato con leggerezza.

Annunci