Referendum costituzionale: 56 costituzionalisti dicono NO

costituzione

Un nutrito gruppo di costituzionalisti ha recentemente varato e reso pubblico un documento di critica all’insieme dei cambiamenti della Costituzione approvati dalle Camere su proposta del ministro Boschi. Fra gli autori, Lorenza Carlassare, Francesco Paolo Casavola, Giammaria Flick, Guido Neppi Modona, Valerio Onida, Gustavo Zagrebelsky.

Di fronte alla prospettiva che la legge costituzionale di riforma della Costituzione sia sottoposta a referendum nel prossimo autunno, i sottoscritti, docenti, studiosi e studiose di diritto costituzionale, ritengono doveroso esprimere alcune valutazioni critiche.

Non siamo fra coloro che indicano questa riforma come l’anticamera di uno stravolgimento totale dei principi della nostra Costituzione e di una sorta di nuovo autoritarismo.

Siamo però preoccupati che un processo di riforma, pur originato da condivisibili intenti di miglioramento della funzionalità delle nostre istituzioni, si sia tradotto infine, per i contenuti ad esso dati e per le modalità del suo esame e della sua approvazione parlamentare, nonché della sua presentazione al pubblico in vista del voto popolare, in una potenziale fonte di nuove disfunzioni del sistema istituzionale e nell’appannamento di alcuni dei criteri portanti dell’impianto e dello spirito della Costituzione.”

(segue su Patria Indipendente)

Gli aggiornamenti sul tema “Referendum costituzionale” sono su Telegram.

NB Il referendum costituzionale non prevede quorum, essendo un referendum confermativo, e non abrogativo.

Annunci